Dirpubblica

Ti piace l'operato di Dirpubblica e ne condividi obiettivi e valori? Sostienici con una donazione libera
con bonifico bancario IBAN IT22O0832703210000000006494 o carta di credito - PAYPAL

Data  24/03/2014 01.44.16 | Sezione Entrate Entrate

Incarichi dirigenziali alle Entrate. Violato il regolamento del Senato. DIRPUBBLICA si difende.


Sen. Giorgio Pagliari
Sen. Giorgio Pagliari

Per sanare la posizione di 767 incarichi dirigenziali nulli nell’Agenzia delle Entrate è stato violato il regolamento del Senato. Pubblichiamo la nota del nostro Studio legale.



Per sanare la posizione di 767 incarichi dirigenziali nulli nell’Agenzia delle Entrate è stato violato il regolamento del Senato.

 

Pubblichiamo la nota con la quale il nostro Studio legale ci ha comunicato di essersi costituito in giudizio, per nostro conto, presso la Corte Costituzionale in merito alla vicenda dei 767 incarichi dirigenziali nell’Agenzia delle Entrate, dichiarati nulli dalla giurisdizione amministrativa. Com’è a tutti noto il caso è giunto in Corte Costituzionale in quanto il Consiglio di Stato, cui aveva fatto ricorso in appello l’Agenzia delle Entrate, ha ritenuto rilevante e non manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’articolo 8, co. 24, d.l. 2 marzo 2012 n. 16, conv. in l. 26 aprile 2012 n. 44 con la quale il legislatore ha tentato di sanare le predette posizioni dirigenziali illegittime (vedi Ordinanza del Consiglio di Stato, Sezione IV, n. 5619 del 26/11/2013).

 

Siccome in Parlamento è stato eseguito un ulteriore tentativo di sanatoria ex lege per mezzo del comma 14, del D.L. 30/12/2013, n. 150 (convertito con modificazioni dalla L. 27/02/2013, n. 15), grazie ad una serie di interventi emendativi avviati dal sen. Giorgio Pagliari del PD, nella nota viene dato ampio spazio alla questione di legittimità costituzionale, sollevata in via conseguenziale con la predetta costituzione in giudizio, ricostruendo tutte le vicende dell’emendamento Pagliari (n. 1.200) e contestando, sul punto, la mancanza di trasparenza dei lavori parlamentari, finalizzati al conseguimento di risultati in contrasto con i principi costituzionali.

 

Non sappiamo quali esiti avrà tutta questa tristissima storia, sappiamo solo che stiamo lottando in solitudine contro poteri forti e diffusi la cui egemonia, che sta annientando ogni risorsa del nostro Paese, mostra la sua coda nei 767 incarichi dirigenziali dichiarati nulli dal TAR Lazio nel 2011 (vedi sentenza della sezione II, n. 6884 depositata il 01/08/2011).

Allegati:

Download   20140321_da_Medici.pdf
(Nota dell'avvocato Carmine Medici - 773,1Kb)

Gallery



Tags avv. Medici, Corte Costituzionale, d.l. 150/2013