Dirpubblica

Ti piace l'operato di Dirpubblica e ne condividi obiettivi e valori? Sostienici con una donazione libera
con bonifico bancario IBAN IT22O0832703210000000006494 o carta di credito - PAYPAL

Data  14/10/2015 00.37.33 | Sezione Ec. e Finanze Ec. e Finanze

Ha fatto molto più Dirpubblica che Cantone -fasulle le valutazioni dei dirigenti del MEF & Agenzie.


Ora basta!
Ora basta!

Il Consiglio di Stato, IV Sez., con l'ultima sentenza n. 4713 del 13/10/2015 di accoglimento dell'appello della Federazione DIRPUBBLICA, ha accertato la mancata adozione, da parte del MEF e delle Agenzie fiscali, del Sistema e del Piano delle performance di cui al d.lgs 150/2009 ordinandone l'attuazione entro 180 giorni, pena Commissario ad acta.



A pochi giorni di distanza dalla precedente sentenza del 6 ottobre 2015, n. 4641, con la quale il Consiglio di Stato aveva censurato l’attribuzione da parte dell’Agenzia delle Entrate «di incarichi dirigenziali senza concorso, senza criteri, e con un esercizio di discrezionalità del quale sfuggono al giudice amministrativo parametri e limiti», con la sentenza depositata oggi, 13 ottobre 2015, n. 4713, il medesimo Organo Giurisdizionale ha ordinato alla stessa Agenzia delle Entrate, a quella delle Dogane e dei Monopoli nonché al Ministero dell’Economia e delle Finanze di provvedere all’adozione del  Sistema di misurazione e valutazione della performance organizzativa e individuale, che, ai sensi del D.Lgs. n. 150 del 2009, costituisce presupposto indispensabile per il conferimento di incarichi dirigenziali e di posizioni organizzative.

Si pone ora il problema di come è stata finora attribuita la retribuzione di risultato e delle conseguenti responsabilità di chi avrebbe dovuto provvedere all’adozione del predetto Sistema di misurazione e valutazione della performance organizzativa e individuale e non vi ha provveduto senza alcuna ragionevole giustificazione, tanto che il Consiglio di Stato si è riservato di nominare un Commissario ad acta in caso di persistente ed ulteriori inadempimento.

A questo punto, se nella consultazione pubblica sulla riforma della P.A. il Presidente del Consiglio dei Ministri aveva posto l’interrogativo: «valutazione: facciamo sul serio?», pare evidente che la risposta corale delle Agenzie fiscali e del MEF sia stata del tutto negativa, preferendo sistemi di valutazione fondati su criteri soggettivi e non verificabili, tali da consentire il conferimento di incarichi puramente fiduciari.

Anche per questa ragione, la Dirpubblica, considerato «scostamento di proporzioni notevoli tra situazione concreta e legittimità dell’organizzazione amministrativa»,  con istanza del 9 ottobre 2015, ha chiesto al Presidente del Consiglio dei Ministri la nomina di un Commissario straordinario per l’Agenzia delle Entrate e si accinge ora ad avanzare la medesima richiesta anche per l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Allegati:

Download   20151013_da_CdS-IV_sentenza_4713.pdf
(Sentenza 4713 del 13/10/2015 della Sezione IV del Consiglio di Stato - 50,5Kb)


Tags 13/10/2015, CdS, Consiglio di Stato, Sentenza 4713, valutazione

Può interessarti anche
Vai
Vai
Vai
15/06/2016 00.25.02
Economia e finanze
Vai
15/05/2016 03.08.34
Economia e finanze
Vai
27/10/2015 00.47.20
Economia e finanze
Vai
26/03/2015 19.31.17
Economia e finanze
Vai
05/11/2014 00.30.39
Economia e finanze
Vai
Vai
31/01/2014 19.31.08
Economia e finanze
Vai
12