Dirpubblica

Ti piace l'operato di Dirpubblica e ne condividi obiettivi e valori? Sostienici con una donazione libera
con bonifico bancario IBAN IT22O0832703210000000006494 o carta di credito - PAYPAL

Data  05/10/2017 01:40:33 | Sezione Dogane Dogane

La lettera di commiato di Giuseppe Peleggi dalle Dogane e il commento di Giancarlo Barra.


Giuseppe Peleggi
Giuseppe Peleggi
Abbiamo recuperato la lettera di congedo che Giuseppe Peleggi, ex direttore dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, il giorno 11 agosto 2017 aveva scritto al Personale. Pubblichiamo l'atto unitamente all'invettiva di Giancarlo Barra, Segretario Generale di questa Federazione.

Giuseppe Peleggi, ex direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, nel lasciare il suo incarico, il 11 agosto 2017 aveva scritto ai suoi “Cari Colleghe e Colleghi” riconoscendo loro grandi qualità che hanno consentito alla sua gestione di raggiungere alti traguardi, sia a livello nazionale, sia a livello comunitario e internazionale. Nel dir questo elencava, succintamente, i considerevoli successi conseguiti dall’Agenzia da lui diretta: “Tutto ciò è stato possibile - conclude Giuseppe Peleggi - soprattutto perché ho potuto contare su di Voi, cari colleghe e colleghi, che con impegno e professionalità avete contribuito in maniera determinante a quanto realizzato dall’Agenzia in questi anni”.

Peccato che in questi nove anni di gestione, Giuseppe Peleggi non abbia affatto contribuito a migliorare le condizioni di lavoro di questi suoi “Colleghi” (bontà sua) lasciati in pasto ad una contrattazione incapace di far procedere di un solo passo quanti avrebbero voluto spendersi per conseguire, legittimamente, con le proprie gambe e senza dire grazie a nessuno, qualche onesto e moralmente dovuto miglioramento economico e professionale. “Ma cosa c’entra Peleggi - direbbe qualcuno - la colpa è di Giuliano Amato”! Già, conosciamo la situazione, ma da quale parte si è posto Giuseppe Peleggi? Certamente non da quella del Personale! Eppure un direttore, se vuole, può invertire la rotta; se avesse voluto avrebbe potuto essere un Guido Carli o un Brunello Cucinelli e dedicarsi concretamente a quelle “anime pensanti” che gli erano state affidate. Invece no! Nulla! Solo una lettera finale che suona come una beffa … l’ultima beffa!

Ma dire “nulla” è come dire “ti faccio grazia del meretricio degli incarichi dirigenziali e dello scempio della gestione dei concorsi”. Per noi non era all’altezza di quell’incarico; per questo, il 28/04/2015, ne chiedemmo la destituzione al Presidente del Consiglio dei Ministri, insieme a Giuseppe Aronica, suo Capo del Personale e a tutti i componenti della Commissione d’esame del Concorso a 69 posti di dirigente (atto puntualmente notificato ai diretti interessati - Vedi http://www.dirpubblica.it/contents.aspx?id=1484).

Ma tant’è …..!

Comunque …. Addio Giuseppe Peleggi … e che Dio ti perdoni!

Roma, 5 ottobre 2017.

Giancarlo Barra - Segretario Generale della Federazione DIRPUBBLICA


Allegati:

Download   20170811_da_Peleggi_saluto.pdf
(Lettera di commiato di Giuseppe Peleggi, ex direttore delle Dogane. - 137,5Kb)
Download   20150428_a_Renzi_.pdf
(La richiesta di rimozione - 135,5Kb)


Tags Peleggi, Aronica, 69 posti, dirigente, lettera commiato, Dogane, Commissione