Dirpubblica

Ti piace l'operato di Dirpubblica e ne condividi obiettivi e valori? Sostienici con una donazione libera
con bonifico bancario IBAN IT22O0832703210000000006494 o carta di credito - PAYPAL

Data  09/07/2018 01.37.07 | Sezione Varie Varie

"Governo Ti supplico, potenzia la P.A."!


Il Governo Italiano.
Il Governo Italiano.

Giancarlo Barra, sul fenomeno dell'immigrazione, ha scritto al Presidente Conte e ai ministri competenti. Pubblichiamo la nota.



Al prof. Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio dei Ministri  Palazzo Chigi, Piazza Colonna 370 - 00187 Roma presidente@pec.governo.it;

Al sen. Matteo Salvini, Ministro degli Interni, Piazza del Viminale 1 - 00184 Roma -gabinetto.ministro@pec.interno.it;

All’on.  Luigi Di Maio, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Via Veneto 56 - 00187 Roma (RM) - segreteriaministro@pec.lavoro.gov.it;

All’on. avv. Alfonso Bonafede, Ministro della Giustizia – Gabinetto, Via Arenula 70 - 00186 Roma (RM) - gabinetto.ministro@giustiziacert.it;

Al prof. Giovanni Tria, Ministro dell’Economia e delle Finanze, Via XX Settembre 97 - 00187 Roma RM mef@pec.mef.gov.it

Al prof. Marco Bussetti, Ministro dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca, Viale Trastevere - 76/a - 00153 ROMA - ministro@postacert.istruzione.it

All’on. Giulia Grillo, Ministro della Salute, Lungotevere Ripa 1 00153 - Roma - segr.capogabinetto@sanita.it;

All’avv. Giulia Bongiorno Ministro per la Pubblica Amministrazione, Corso Vittorio Emanuele II 116 - 00186 Roma ministropa@governo.it

 

Illustrissimo signor Presidente del Consiglio dei Ministri,

illustrissimi sig.ri Ministri,

            il Presidente degli Stati Uniti, Woodrow Wilson, nel momento in cui (suo malgrado) si convinse della necessità di dichiarare guerra alla Germania e subito dopo, all’Austria-Ungheria, per prima cosa rafforzò l’Amministrazione Pubblica Statunitense raddoppiando il numero dei suoi impiegati e funzionari.

            Grazie a Dio, il nostro Paese non si trova oggi a dover adottare una scelta del genere, ma allo stesso tempo è coinvolto in un evento epocale senza precedenti che rischia di compromettere seriamente la stabilità del suo Ordinamento democratico. Mi riferisco al fenomeno dell’immigrazione che, quale che siano le posizioni adottate dall’Unione Europea, manifesta sempre più le caratteristiche di un dramma, apparentemente senza fine.

Il Loro predecessori hanno tenuto scarsamente conto che, quando si manifestano momenti del genere, lo Stato va fortemente valorizzato e potenziato; Essi, invece, hanno ritenuto di poter affrontare la situazione affidandosi esclusivamente alle organizzazioni private, siano esse lucrative oppure no, siano esse nazionali o internazionali. Non è necessario che rammenti alle SS.LL. i risultati di tale gestione, né il fatto che l’Italia è divenuta un Paese di lager, di schiavi, di prostitute minorenni e di pascolo per le belve mafiose provenienti da ogni recondito inferno del mondo. In ciò lasciando sulle spalle dei Magistrati e delle Forze militari tutto il peso della situazione.

Per questa ragione Vi supplico di invertire una simile tendenza. Investite le risorse dello Stato nella P.A., bandite concorsi rapidi quanto legittimi per maestri e maestre, docenti di ogni ordine e grado, medici e infermieri, chimici e farmacisti, assistenti sociali e interpreti, geometri, ingegneri e architetti, ispettori del lavoro, procuratori delle imposte e ufficiali doganali; rafforzate con impiegati e funzionari gli Uffici giudiziari, costruite Ospedali e Centri di accoglienza che non siano i CARA, potenziate i Comuni della frontiera marina e quelli interni destinati all’assistenza, dotate il Paese di una flotta mercantile appositamente attrezzata e circondatevi di esperti di ogni categoria.

L’attività che codesto Governo ha già intrapreso è apprezzabile, ma non risolverà una situazione che, in ogni caso, è magmatica (l’Africa si accinge ad avere 4 miliardi di abitanti) e coinvolge la coscienza di ogni cittadino di Buon senso.

Woodrow Wilson vinse la Guerra e impose le proprie regole a vincitori e vinti. Io sono convinto che ciò si sia realizzato perché, prima ancora di potenziare gli armamenti, egli dotò gli USA di un’Amministrazione potente ed efficiente.

Grazie per l’attenzione; con la speranza di poter essere ascoltato, Vi invio i saluti dell’O.S. che ho l’onore di rappresentare e quelli miei personali e cordialissimi.

Roma 9 luglio 2018.

Giancarlo Barra

Allegati:

Download   20180709_lettera-al_Governo.pdf
(Lettera al Governo sull'Immigrazione. - 163,2Kb)


Tags Immigrazione, P.A., Governo, Giancarlo Barra